New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Courtney Barnett: Start Somewhere, Life Balance & First Slow
Non sarà la classica sedia da regista, ma mi accontento

Courtney Barnett
Start Somewhere, Life Balance & First Slow

Un film, una colonna sonora, un cammino.

Courtney Barnett alle prese con una colonna sonora autobiografica? Proprio così.

Anonymus Club è un progetto partorito insieme al direttore della fotografia Danny Cohen, con l’intento di raccontare la storia della musicista australiana. Scontato quindi sia lei a occuparsi della parte musicale del film, meno ascoltare i primi stralci di questa colonna sonora che uscirà a settembre.

Il video in questione contiene infatti i primi tre brani della storia: 7:17 suddivisi per la prima Start Somewhere, proseguendo per Life Balance e concludendosi con First Slow. È un suono aereo, umido e malinconico, che sembra ben rinforzare le immagini boschive che ci sono mostrate. Courtney cammina con una mantellina blu, le corde della sua chitarra rimbalzano riempiendo gli spazi di melodie autunnali e continue, una sottile linea che viene attraversata da tenui accordi e movimenti, a creare un’armonia materica rigogliosa nella sua tranquillità. Andando avanti, il tutto si fa lievemente più aereo e meditativo, con note che rimbombano come gong, lasciando che le loro eco si disperdano fra le pendici del monte fiorito.

Courtney coglie l’occasione per rivelare lati insospettabili di sé, tanto che, se tutto ciò fosse stato firmato da musicisti di area out folk o avant (due nomi a caso: Alasdair Robert o Richard Youngs), sarebbe risultato coerente alle loro rispettive carriere. Si percepisce l’onestà e il coraggio di una musicista che prova a mostrare il suo lato più intimo, a difese abbassate. Viene voglia di starsene lì, in silenzio, per vedere che cosa succede. La scalata si conclude in un paesaggio che è ormai ricoperto dalla nebbia. Sono fiochi segnali, come luci di un faro, ma la tratta è ormai a fine: ci restano solo il ricordo fresco e l’attesa, di nuovi suoni e nuove immagini, dopo l’estate.

Courtney Barnett 

↦ Leggi anche:
Traccia: Courtney Barnett (feat. Vagabon): Don't Do It
Traccia: Courtney Barnett: Before You Gotta Go
Traccia: Courtney Barnett: Elevator Operator
Traccia: Courtney Barnett: Nameless, Faceless
Traccia: Tess Parks & Anton Newcombe: Please Never Die
Traccia: The Goon Sax: In the Stone

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!