New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Mandy, Indiana: Drag [Crashed]
Lo avete visto anche voi?

Echi industrial noise contro un maschilismo duro a morire.

I Mandy, Indiana sono figli della scena di Manchester, dalla quale raccolgono l’eredità elettronica che esprimono attraverso un sound sperimentale e con venature industrial noise. La band nasce da un’idea di Scott Fair (chitarra) e Valentine Caulfield (autrice dei testi) ai quali si sono successivamente uniti Simon Catling (synth) e Alex Macdougall (batteria) che hanno dato il loro contributo in maniera evidente nel loro album di debutto I’ve Seen a Way uscito proprio in questo periodo.

Drag [Crashed] è uno dei singoli estratti: ritmo serrato, andamento inquietante e una chitarra irriconoscibile che accompagnano il testo in lingua francese, scritto e cantato da Valentine che, con la sua voce, amplifica il senso di oppressione. Il brano è un racconto abbastanza chiaro di come essere una bambina e poi una ragazza spesso è un percorso – più o meno vissuto – che costringe ad affrontare atteggiamenti machisti volti a limitare, reprimere ed etichettare. Una misoginia che nasce già in ambito familiare attraverso frasi e momenti che vengono qui riassunti in maniera esplicita: «Avrete bisogno di una pistola per respingere i ragazzi / sarai un giovane nonno con questa ragazza / sorridere, sorridere: è più bella una ragazza che sorride».

Una società che oggi sembra aver fatto un passo indietro, che torna a esprimersi in modo reazionario e nostalgico e che si fa forza attraverso l’ostentazione di ideali politici e religiosi che tornano e cercano di trovare lo spazio per mettere confini a libertà e decisioni: in fondo, a tutte quelle scelte che invece dovrebbero restare personali e sono la conquista di anni e anni di lotta ormai dimenticati.

Mandy Indiana 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!