New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Gvllow (feat. Agnew): Spiritual Cramp
E fattelo un tatuaggio no?

Gvllow (feat. Agnew)
Spiritual Cramp

Camminare sulle acque rotte di un mare di incesti.

La prima formazione dei Christian Death è durata poco, giusto il tempo di un album, ma quel fuoco d’artificio nero ha dato vita a miliardi di incendi nell’underground, fiamme che continuano a bruciare ovunque nel mondo.

Spiritual Cramp, da Only Theater of Pain, è un inno death rock che nasconde mille curiosità. È uno dei due brani scritti da Rozz Williams con il primo chitarrista della band, il recentemente scomparso John Albert (non accreditato ovviamente – le cose funzionavano così –; per la cronaca l’altro pezzo è Deathwish). In realtà, probabilmente le liriche non sono tutte di Rozz (l’amica d’infanzia Anne Miller lo aiutava eccome). Ma queste sono discussioni da bar per appassionati. Ciò che conta è che rimane una canzone epocale, punto.

Quarant’anni dopo, quel personaggio assurdo di Gvllow ci mette le mani, e accade il miracolo. Il ragazzo – poco noto da noi – è uno di quelli che partendo dal rap e dall’hip hop più duro ha lasciato che la sua musica venisse contaminata dal post-punk europeo e dal goth americano, riuscendo a risultare fresco, convincente e nuovo. Reclutati Frank e Alfie Agnew (ex Adolescents e fratelli di Rikk che dei Christian Death fu il funambolico chitarrista – oltre che degli stessi Adolescents del mitico disco blu), ci sputa in faccia una versione aggiornata del pezzo che, pur mantenendo tutta la carica e viziosità dell’originale, spinge il piede verso l’impatto diretto e senza fronzoli.

Una rilettura ben fatta, da ogni prospettiva, che può essere un ottimo punto di partenza in due direzioni: riscoprire il capolavoro dei Christian Death così come approfondire la carriera di Gvllow, uno che ha già sette milioni di stream su Spotify e due milioni su Youtube; numeri che certi personaggi nostrani che se la tirano troppo dovrebbero guardare per poi fermarsi a pensare seriamente.

Agnew Christian Death Rozz Williams Gvllow 

↦ Leggi anche:
Traccia: Christian Death: Forgiven
Traccia: Christian Death: Haloes (2021 Mix)
Traccia: Christian Death: The Alpha and the Omega
Traccia: Doctors We Trust: Static Memoir
Traccia: Nox Novacula: Last Will and Testament
Traccia: Symbolism: Iced out
Traccia: The Bellwether Syndicate: Dystopian Mirror
Traccia: The Blue Hour: Cold and Bare
Traccia: The Sixth Chamber: Jump into the Flames

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!