New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Buckcherry: Shine Your Light
Gente che va al succo del rock and roll

Sleazy rock a palla, come se il 1991 non fosse mai finito, almeno nel 2023.

Rock’n’roll, sudore acido, sangue molle, burro d’arachidi scaduto e locali di tufo cotti al sole dell’inferno: ecco la capsula temporale da cui i Buckcherry continuano a menarle al tempo, fregandosene delle etichette e delle nostalgie. La morte non esiste, è il vero motivo per cui un sognatore si aggrappa a una chitarra e tira forte. Le Hell’s Bells di Bon Scott riecheggiano ammende oscure, ma alzate il volume e fregatevene. Dopotutto mentre Charlie fa surf, non è che stia a pensare all’esofago di uno squalo o ai segreti lovecraftiani dell’oceano. Bisogna far brillare la propria luce e sperare che qualcuno veda il piccolo faro nella tempesta notturna prima che il buio si riprenda tutto quanto.

I Buckcherry non hanno inventato nulla, ma sono riusciti a piazzare qualche bel singolo e tenersi in piedi in un tempo in cui fare sleazy rock in America era un po’ come propagandare testi nazi a Disneyland negli anni della cancel culture. Ma la verità è che la band losangelina è paradossalmente sopravvissuta grazie al fatto di essersi mossa in un tempo di magra per il genere. Nel 1990 non li avremmo neanche notati, tra le Guns e Skid Row e un esercito carambolanti di ragazzacci brilluccicosi già nel cestone del nice price prima ancora di urlare “fuck, yeah, ce l’abbiamo fatta!”

Shine Your Light suona dritta in culo a una giornata storta. Ti alzi e ti tuffi nell’afa di un’estate mortifera, in una routine di lavoro merdoso, famiglia che si disintegra e amici scomparsi nell’ultima notte di tregenda che si ricordi. Il quattro quarti tondo, spigolante, un po’ pigro del pezzo è una carovana onirica che ti condurrà al sicuro tra le cosce sudate di un tramonto pieno di rimpianti e di nuove promesse.

Finché morte non ti separi dal vecchio rock, nulla potrà davvero buttarti giù.

Buckcherry 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!