New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Alchem: Deception
Come una fenice

Nove minuti per mettere a tacere i luoghi comuni sul metal.

Recentemente i colleghi di Sdangher! hanno pubblicato un interessante articolo sul vivere l’heavy metal oggi, nella sua accezione più ampia. È un interessante autoriflessione (o lettera aperta) che tra le altre cose punta il dito contro coloro che sono rimasti inchiodati alle passioni e sonorità della propria adolescenza rigettando tutto ciò che è nuovo. Concetto condivisibile o meno, ma che spinge a diverse riflessioni, una tra tante (semplificando) “se ti piaceva il prog metal, perché hai smesso di seguire le nuove uscite?”. Nulla si crea e tutto si trasforma: la musica cambia e con lei la percezione emotiva della stessa. Ciò non toglie che la qualità non manca, basta cercare.

Ad esempio, dopo cinque anni di silenzio sono tornati in pista i capitolini Alchem, con un nuovo singolo che è puro godimento per tutti coloro che amano il rock progressivo condito generosamente con il metal. Quasi nove minuti per un brano diviso idealmente in tre sezioni: la prima con un riff epico e maestoso apparentemente semplice dove la differenza la fanno arrangiamenti azzeccati e gusto nel songwriting, la seconda dedicata a un passaggio acustico evocativo e la terza dove i nostri possono dare libero sfogo al loro talento tecnico senza mai però scadere nell’autocelebrazione. Sopra tutto questo, la voce limpida, potente e allo stesso momento delicata di Annalisa Belli, vera punta di diamante di un quartetto che con questo biglietto da visita meriterebbe maggiore attenzione da pubblico e stampa.

Non c’è nulla di male ad aspettare con trepidazione l’ennesima ristampa dei Queensrÿche o dei Dream Theater, ma ridurre tutto a quello perdendosi per strada chicche come questa sarebbe davvero un peccato per tutti coloro che amano certe sonorità.

Alchem 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!