New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Spiritual Front: Bigmouth Strikes Again
Roma come Manchester

Spiritual Front
Bigmouth Strikes Again

Gli Smiths per chi non ama gli Smiths ma vorrebbe amarli.

È un bel po’ che gli Spiritual Front propongono, di tanto in tanto, dei set dal vivo incentrati sui pezzi degli Smiths, ed erano in molti ad aspettare con trepidazione un’uscita discografica a riguardo. Arriva oggi, con il sontuoso The Queen Is Not Dead, un LP con un 7” allegato in cui i romani si approcciano al lavoro dei quattro ex ragazzi di Manchester.

Affiancati in studio da un cast stellare – con Durga McBroom (corista dei Pink Floyd di Gilmour), Michał Stępień dei post-blackster MGŁA, Riccardo Galati, Jairo Zavala dei Calexico, Filippo Marcheggiani del Banco del Mutuo SoccorsoTraci Danielle (ricordate i My Life with the Thrill Kill Kult?), Riccardo Spilli del Balletto Di Bronzo, Sasha Boole (Me and That Man) e King Dude – i neofolker (che termine riduttivo ormai per loro…) romani sanno ridare vita a composizioni storiche senza snaturarle, riuscendo anzi a enfatizzare i passaggi più romantici e indelebili delle composizioni di Marr e Moz.

Ne è un esempio questa splendida versione di Bigmouth Strikes Again: se nella famosa rilettura dei Placebo il brano acquistava una certa dose di rabbia adolescenziale, qui gli Spiritual Front si focalizzano sulla cesellatura, facendo risaltare i dettagli imprescindibili di un songwriting che ha fatto scuola. Eccellente l’interpretazione vocale di Simone che, nel suo essere ben distante dell’approccio di Morrissey, potrebbe paradossalmente fare innamorare perdutamente degli Smiths tutte quelle persone che proprio nel cantato trovavano l’ostacolo più ostico da digerire.

Se a qualcuno questo può sembrare blasfemia, poco importa: il risultato regala nuova linfa a dei pezzi incredibili. In attesa di un nuovo album di inediti, la dimostrazione di come anche un semplice disco di cover può diventare un piccolo capolavoro.

Spiritual Front The Smiths Morrissey Johnny Marr 

↦ Leggi anche:
Storia: Ecco gli Smiths: i ragazzi con la spina nel fianco
Traccia: Johnny Marr: Night and Day
Traccia: Johnny Marr : The Tracers
Storia: Matt Johnson (e i The The) contro il mondo
Traccia: Morrissey: Love Is on Its Way Out
Traccia: Morrissey: Spent The Day In Bed
Traccia: Spiritual Front: Children Of The Black Light
Traccia: The Avalanches (feat. MGMT and Johnny Marr): The Divine Chord

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!