New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Quando Lemmy mise da parte il basso e, usando archi e penna, scrisse il proprio capolavoro sinfonico.

Il pregio di questa rivisitazione dei Sabaton di 1916 non va tanto riscontrato nel notevole lavoro di arrangio o nella sentita interpretazione di Joakim Brodén, ma nell’intenzione stessa di rendere omaggio a una delle figure meno note e sottovalutate del panorama hard rock/heavy metal. Lemmy Kilmister ha lasciato un grande patrimonio di canzoni sparate a tutta velocità senza mai guardarsi indietro, e se il retaggio dei Motörhead fosse composto delle centinaia di Ace of Spades e Iron Fist, sarebbe comunque tantissimo, sia chiaro. Però non è tutto lì.

Si narra che Lemmy una sera, seduto in poltrona davanti alla TV, con un bicchierone di Jack Daniel’s e Coca-Cola in mano e una sigaretta nell’altra, si sia messo a guardare dall’inizio alla fine un documentario sulla battaglia della Somme. La vita non gli stava andando alla grande: dopo 44 anni di rock and roll, speed a colazione e una sfilza di letti troppo caldi e sudati per poterci dormire tutta una vita, iniziava a sentirsi stanco e sfiduciato. Eppure quella sera ha sentito che poteva dare lui voce a quella montagna di morti, a tutta una generazione di inglesi crepati durante il più abominevole, maestoso casino mondiale mai inferto dall’uomo a se stesso, durante il proprio cammino “evolutivo” su questa terra. E non canterà di loro usando basso, chitarra e batteria e la solita rabbia cinica e sanguinante, ma scegliendo un sommesso andante di violini e un tappeto di synth, su cui intonerà parole sincere con la sua voce rasposa e dimessa, alla faccia di Bruce Springsteen.

I Sabaton riprendono questo gran pezzo e gli aggiungono archi a pioggia, lo diluiscono in una suite di sette minuti e mezzo, dando al brano la possibilità di emergere senza fretta in tutta la propria bellezza. Nella generosa rilettura del gruppo svedese, 1916 non è solo un tripudio a quel milite ignoto che urlò “mamma!” prima di morire nel fango, ma anche il monumento a un soldato del rock caduto sul campo ormai otto anni fa e sul quale tanto ancora ci sarebbe da scrivere.

Sabaton Lemmy Kilmister Motörhead 

↦ Leggi anche:
Traccia: Chrome: H of Spades
Traccia: Midnight: Szex Witchery

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!