New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Les Longs Adieux: Propagande
Quattro amici al baretto

La prima impressione non sempre è quella giusta.

Ci sono cose che ci mettono un po’ a essere assimilate. Spesso la questione riguarda musiche complesse, dal jazz al prog in tutte le loro sfaccettature. Più raramente capita di incontrare un ostacolo nell’ascolto della musica pop, nell’accezione più ampia del termine.

Questo può accadere avvicinandosi all’ultimo singolo dei capitolini Les Longs Adieux: non è tanto la musica a essere ostica (una darkwave intrisa di post-punk quadrato e ballabile), quanto la voce di Federica Lee Querizia Garenna. Sia chiaro, non è brutta, anzi, ma di certo non passa inosservata come tante altre belle voci – molto più gradevoli sicuramente, ma che vengono ben presto dimenticate. Ecco allora che, ascolto dopo ascolto, è proprio l’interpretazione vocale della Nostra – quasi un richiamo al bel canto pieno in stile Milva – a trasformarsi da elemento in superficie meno azzeccato a figura chiave della svolta stilistica dei furono Il Lungo Addio. Impossibile immaginarsi una versione migliore di Propagande dopo aver assimilato bene questo cantato: quando l’imperfezione stilistica diventa valore aggiunto è lì che una band riesce a spiccare sopra mille altre, magari formalmente più “pulite” ma infinitamente meno personali.

La scena romana da qualche anno sta riprendendo prepotentemente in mano lo scettro del dark in Italia, e con questo nuovo capitolo i Les Longs Adieux ne diventano una delle colonne portanti a cui fare riferimento. Gran pezzo, gran tiro, e –finalmente – una voce diversa dal solito. Non fatevi trarre in inganno, schiacciate repeat più volte e lasciatevi rapire da Propagande (magari sforzandovi anche di leggere il testo, ben lontano dalle banalità del genere). Daje.

Les Longs Adieux 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!