New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Burning Witches: Unleash the Beast
Bestie scatenate

Burning Witches
Unleash the Beast

Giovani tirolande in borchie e burro cacao continuano a pestare sodo.

Questo è l’heavy metal secondo le svizzere Burning Witches, cinque squinzie per cinque album in sette anni, senza grandi idee ma con una notevole passione per i Judas Priest di Painkiller, Ronnie Dio e i sempiterni Maiden (ta-tattà, Maiden, ta-tattà). Non ci vuole molto per cucinare un buon assalto frontale al grugno del mondo: basta prendere un bel riffone, ricamarci intorno una tela di fischioni e rantoli di chitarra ipersaturizzata, far partire l’elicottero della doppia cassa e urlarci sopra qualcosa che è una via di mezzo tra un testo biblico e un manuale di auto-affermazione.

Quote rosa per un massacro? Siamo davanti a una forma di aggressività sonora tipicamente femminile? No, questo è improbabile, ma considerando che non esisterebbe un brano come Unleash the Beast senza il vecchio Robert John Arthur, detto Rob – e tenendo conto che costui l’ha ammesso, di essere gay, seppur dopo molti anni di metallurgia altissima, e di aver tratto ispirazione dai più sordidi negozi alla Cruising di Soho per vestire i guerrieri del metallo e dettarne il passo attitudinale –, probabilmente le Burning Witches non hanno bisogno di cambiare una virgola alla formula classica del metal britannico halfordiano per esprimere la propria vena erotico-mestruale, con tutto il rispetto per i Tampax e l’insostenibile ciclo gravidazionale.

Scatenare la bestia è sempre stato uno dei contributi che il genere dell’incandescente pesantezza ha tentato di suggerire al mondo. Le Burning Witches ribadiscono il concetto scommettendo su una melodia power seducente e aggredendo il pubblico con un video che sa di deodorante Nivea per ascelle seviziate con lamette infuocate e scarpe puzzolenti per abuso affettivo. Sono quasi cinque minuti ma sembrano tre scarsi.

Burning Witches Rob Halford 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!