New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Emma Ruth Rundle: In My Afterlife
Ancora io, sì. E ancora in bianco e nero, sì.

Emma Ruth Rundle
In My Afterlife

I motori dell’inferno continuano a rombare, piano.

Si, lo sappiamo: ne abbiamo già parlato a proposito di Return. Ma l’ultimo disco della Rundle ci ha proprio fatti prendere bene (nonostante – o forse appunto per – il suo fascino fosco e malinconico), anche e soprattutto alla fine di un tour che l’ha vista unica protagonista, in un’intimità creata dalla sua chitarra e dal pianoforte.

In My Afterlife continua dunque l’epica neofolk grigioscura di Engines of Hell, un disco che ha brillato – e continua a brillare – per la sua profonda e minimalista intimità, capace di amplificare a dismisura il talento di songwriter di Emma. Dopo le sortite più heavy della collaborazione con i Thou, infatti, la virata verso una più spettrale semplicità ha donato al suo “tocco” una potenza espressiva decisamente fascinosa e indissolubilmente ammaliante.

Questa traccia conclusiva presenta visivamente la cantautrice in una veste inquietante e carnascialesca (Papa Tobias Forge ne sarebbe fiero), che ben si sposa con i toni poetici e sepolcrali della sortita ultraterrena che chiude il viaggio dalla e verso una fragilità tutta umana. Di fronte alla fine – creatura mitica e assolutamente contingente ai cancelli della vita – ci si stringe intorno a un fuoco (grigio, naturalmente) con una magia tanto semplice quanto eterna.

«But I remembered all of your lines from the living / And told them to my nearest keeper / A distant star there was laughing, said you were funny / And now we’re free, and now we’re free».

Emma Ruth Rundle 

↦ Leggi anche:
Traccia: Chelsea Wolfe & Emma Ruth Rundle: Anhedonia
Traccia: Emma Ruth Rundle: Light Song
Traccia: Emma Ruth Rundle: Staying Power

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!