New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Ramon Moro: Stratified Ritual
Devo darmi una regolata con il multitasking

Oscure allucinazioni ipnagogiche.

La calima è un vento afoso carico di sabbia del Sahara che satura l’aria e deforma i confini delle cose. Ramon Moro è un musicista dalla sensibilità prismatica per il suo modo di imprimere una spinta di personale decostruzione della materia sonora, tanto nei progetti solisti quanto in quelli condivisi (con Paolo Spaccamonti e Stefano Pilia, solo per citarne alcuni). Calima è anche il nuovo album di Moro, il cui titolo presenta da un lato una forte connotazione concettuale mutuata dal particolare fenomeno ventoso delle isole Canarie, dall’altro una profonda marcatura metafisico-esoterica che guarda all’isola di Lanzarote come topos immaginario di una discesa negli anfratti dell’inconscio.

Stratified Ritual è la traccia iniziale, il viatico oscuro per interpretare l’umano dualismo ontologico, ovvero il canale di collegamento che nutre allo stesso modo spirito e animalità, pietà e cieca efferatezza. Negli oltre otto minuti, Ramon compie un lavoro complesso di ripartizione del brano in segmenti che acquistano gradualmente una consistenza vischiosa, simile a sangue rappreso lungo il mesmerico incedere di ancestrali giaculatorie.

La prima parte è un fluido ambient in cui la tromba si fonde con un tappeto immateriale nelle cui fibre lentamente si fa spazio un growl di derivazione black metal, gelido come i luoghi dell’esilio di Burzum. A questo punto il sipario si alza e fa irruzione l’irrazionale scandito dal ritmo cadenzato di voci sovrapposte, a invocare l’oscenità del sabba di creature ctonie. Il risultato è quello di una messa in scena della nuda vita, affascinante come la sacralità dell’uomo, deificato dalla sua stessa libertà e da quel male che cerca di farsi strada dentro di lui.

Ramon Moro Paolo Spaccamonti 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!