New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Periphery: Wildfire
Riflessioni sfocate sul tema: il djent è un genere musicale?

Progressive-djent metal con le idee piuttosto chiare su dove andare a parare.

I Periphery praticano il progressive-djent metal e rivendicano un ruolo pioneristico, al riguardo. Ora, bisogna prima di tutto capire cosa si intenda con la parola djent, che è inserita anche nel titolo del loro imminente settimo album (Periphery V: Djent Is Not a Genre). Si tratta di un’onomatopea, emessa per la prima volta dal chitarrista dei Meshuggah, Fredrik Thordendal, per spiegare il tipo di musica suonato dalla sua band. Djent è il suono che emette la bocca quando simula una chitarra in palm mute. Per sapere cosa sia il palm mute, vi rimando all’apposito link o qui non la finiamo più e questo pezzo viene una quaresima.

Comunque, al di là del contesto creativo in cui i Periphery hanno deciso di confinarsi, Wildfire offre sprazzi ampi di sole tra le maglie trinciacarne delle chitarre stoppate e scapocciose, che è una tipica caratura del djent. Senza le chitarre che fanno djent non c’è djent. Però poi arriva il progressive, e quindi la melodia, moderna, tra Incubus e Coheed & Cambria, ci risolleva dalla solita pappa ipertecnica.

Il ritornello prima spara tutto tra le stelle e poi plana il brano al sicuro su un letto di borbottii pianistici jazz da locale notturno borghese, fatto di cocktail dal nome impronunciabile e fighe di legno che sorridono allo specchietto del trucco. Poi immaginate che entrino dei tizi incappucciati con i passamontagna e il fucile a canne mozze. La violenza sommerge tutto il tempo di qualche sparo e poi lo sguardo di chi ascolta, ispirato da viole e violini impetuosi, vaga tra i corpi sanguinanti e i bicchieri frantumati. In sette minuti tutto questo è un viaggio mentale ed emotivo davvero niente male.

Periphery 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!