New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Kety Fusco: 2072
Che c'è? Mai vista un'arpa elettrica?

Le prime corde in movimento in vista di una trilogia: un’arpa che non accenna a fermarsi.

2072 è il primo brano del primo capitolo di una trilogia, The Harp, a firma dell’arpista Kety Fusco. Dopo il suo debutto con Dazed, le collaborazioni con Lubomyr Melnyk, la sempre maggior dimestichezza e apertura rispetto alle possibilità di uno strumento – l’arpa elettrica, appunto – l’hanno fatta girare il mondo e prossimamente la porteranno anche all’Elgar Room, lo spazio dedicato alle performance contemporanee della Royal Albert Hall di Londra.

Fa piacere pensare a quando, nell’ormai lontano 2019, avevo la possibilità di vederla al Centro Diurno luganese che a quei tempi gestivo. Un’ascesa verticale per una musicista che a ogni brano sembra dare luce a una nuova angolatura della propria parure.

In 2072 il buio sembra rapirla da una sala per portarla in un bosco, in un bunker. Una sensazione di straniamento e di solitudine, una forte vena melanconica per una discesa verticale nel proprio intimo, in un raccoglimento che si sintonizza con i ritmi circostanti, fino a farci scomparire fra le note. Ma è tardi, Kety ci ha voltato le spalle e se ne è già andata. Il primo passo è stato fatto. Non ci resta che attenderla, per seguire le sue mani e la sua musica.

Kety Fusco 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!