New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Ísadóra: Bergmál
Ciao mamma, guarda come mi diverto!

Nuda fino all’osso.

L’associazione artistica post-dreifing ha un’etica curiosa. Contrappone al D.I.Y. (Do It Yourself, letteralmente “fallo da solo”) delle sottoculture un D.I.T, dove la t sta per Together, “insieme”, qualcosa che rimanda a lavori collettivi meno asfissianti: una specie di comune ampliata, non politicizzata e libera. A volte fanno uscire dei dischi. Carino no?

Ísadóra – detta Doa – è una filmmaker islandese che qua e là si diletta con il canto. La madre – tale Björk Guðmundsdóttir – a differenza di molte altre, certo non ostacola le necessità artistiche della figlia e anzi, la spinge a creare. Chissà perché eh? Non a caso uno dei pezzi più belli dell’ultimo album del fu folletto icelandico Fossora (Her Mother’s House) porta la firma di entrambe.

Sta di fatto che il talento di Doa è innegabile e, probabilmente, passato il comprensivo periodo di rodaggio, la ragazza prenderà il volo da sola, uscendo dall’ombra lunga della genitrice.

Basta ascoltare questa Bergmál, tratta dalla curiosissima e piacevolissima compilation Drullumall #4 (incentrata sulla scena di Reykjavík) per capire che di stoffa ce n’è a pacchi. Un gioco da due minuti per sola voce sovraincisa e armonizzata sotto Minias, dove compare qua e là qualche corda di ukulele che ha preso qualche goccia di troppo. Una fiaba che sa di umido, muschioso e sinistro, nonostante lassù dietro le nuvole cariche di pioggia il sole continui a splendere. Un’ottima opera prima che si spera non rimanga un caso isolato: la musica ha bisogno anche di questo.

Ísadóra Björk 

↦ Leggi anche:
Traccia: Björk: Atopos
Traccia: Björk: Blissing me
Traccia: Katie Alice Greer: Captivated
Storia: Sigur Rós: la voce della speranza, in una lingua inventata
Storia: Sugarcubes: prima che Björk diventasse Björk

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!