New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Contrarian: In Gehenna
Perdonate i pantaloncini, sono tornato ora dalla corsetta mattutina

Progressive metal che polverizza le ossa di Chuck Schuldiner in un mortaio e ce le soffia in faccia.

Il progressive death metal, quando è nato, ha prodotto poco più di perplessità e sbadigli. Il pubblico sembrava pronto ai Cannibal Corpse – che nascondevano strutture complesse sotto una melassa di viscere e oscenità necropedofile – ma non a gente come gli Atheist, i Cynic, non a caso presi a fischi e bucce di banana durante i concerti di allora.

Oggi i Contrarian si muovono in un territorio canonizzato, seguendo a spingere oltre i solchi visionari di Chuck Schuldiner e Paul Masvidal, assediati da un piccolo mondo di appassionati che accolgono la progressività ritmica e chitarristica di questi borbottoni a 5/8 con un lungo “sì” pensoso.

Mentre scavano un pertugio nelle fameliche gallerie della Gehenna, il loro leader indiscusso e portatore principe del progetto, Jim Tasikas, lancia avanti sprazzi di luce armonizzata e intanto dietro istiga i suoi comprimari a procedere oltre, macinando terra, grazie soprattutto all’isteria rabbiosa del bombardamento ritmico di Alex Cohen.

Non sappiamo dove possa andare a parare un simile dispiegamento di forze tecnicistiche. Non sono interessanti tanto la capacità, l’intrigo ritmico e la tensione strutturale, ma il dolore esistenziale che vi aleggia sopra, come una specie di consapevole condanna. L’uomo è destinato a esplorare luoghi aridi e infruttuosi, succhiando e sputando litri di buio e di sangue vecchio, accontentandosi dei bagliori che riesce a produrre con una lampada difettosa piazzata sulla testa, che punta dritta sul suo stesso naso rotto.

Contrarian Jim Tasikas 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!