New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Billie Marten: This Is How We Move
Il mio profilo migliore, senza ombra di dubbio

Billie Marten
This Is How We Move

Saper bilanciare l’amore.

È nello scomodo che troviamo la reale bellezza, l’essenza pura dell’amore. Il dover divaricarsi tra le esigenze personali e le volontà dell’altro, riuscire a scovare un punto d’incontro: anche se per un attimo, spremersi, lottare per far funzionare il tutto.

Billie Marten ce lo comunica, come suo solito, con un’essenzialità sopraffina e toccante, catapultandoci nel giardino di casa, dove, sotto una luna insolitamente luminosa, stringiamo la nostra tazza di tè caldo e guardiamo negli occhi l’altra metà, tentando di far andare avanti le cose.

This Is How We Move sfonda con una carezza morbida la nostra porta interiore: pochi accordi e parole per descrivere l’enorme, silenzioso conflitto che muove i fili di una relazione. L’ugola britannica torna a narrare con la sua soave timbrica la magnificenza dell’imprevedibilità e il fascino pungente del contrasto – e del conseguente avvicinarsi – attraverso i tenui rivoli sonori di un folk all’apparenza disadorno, ma ricolmo di un’emotività che si scioglie al dolce sospiro della sei corde, venendo sempre più in rilievo con un timido intercalare di archi.

Nessuna sorpresa dalla Marten, che assieme a pochi altri – Keaton Henson è il primo che ci viene in mente – riesce (in maniera convincente) nel complesso compito di continuare a nutrire di prezioso nettare un cantautorato primordiale, incorrotto da superflue contaminazioni: un concetto di far musica di cui, soprattutto di questi tempi, fatichiamo a fare a meno.

Quindi preparate i kleenex, cari burberi dal cuore di burro, che qui ci si commuove, e anche molto facilmente.

Billie Marten 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!