New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Finalmente, con tutta calma.

Sono quasi cinquant’anni da che rinacque a seconda vita (dopo i Genesis), ma Peter Gabriel non è cambiato per nulla, se è vero che è da quasi venti che ha in gestazione il nuovo album I/O, previsto per il 2023. Che poi sarebbe anche il primo disco di inediti dal 2002: «take her easy, Dude», direbbe Sam Elliott del Grande Lebowski.

Panopticom è il primo singolo estratto da I/O e – come di consueto per un personaggio come Peter Gabriel – non è solo una canzone: è un concept, un progetto, un’idea, una costellazione di citazioni, un melting pot di suggestioni artistiche. «Si basa su un’idea su cui ho lavorato: avviare la creazione di un mondo di dati accessibile [accessible data globe] espandibile all’infinito», scrive Gabriel. «Stiamo iniziando a connettere un gruppo di persone che hanno la stessa visione e che potrebbero essere in grado di dar vita a questo progetto, per consentire al mondo di avere una migliore visione di sé e capire meglio cosa succede».

Uhm, ok. Da Real World (gli studios di Gabriel) a Data World, d’altra parte, è un attimo. Qualsiasi cosa voglia dire. Ma c’è ovviamente di più: i riferimenti alla rete globale, alla tendenza compulsiva a condividere ogni nostro momento sui social, la nostra disponibilità più o meno conscia a farci sorvegliare. E d’altra parte il titolo stesso è un gioco di parole tra “panopticon” (il carcere ideale del filosofo settecentesco Jeremy Bentham, struttura architettonica congegnata perché un unico carceriere potesse avere visibilità su una pluralità di carcerati) e “dot com”, estensione simbolo dell’era di Internet.

Ma il pezzo com’è? È un bel brano, semplice nella sua struttura, forse fin troppo prevedibile nelle linee melodiche, ma efficace, e soprattutto riccamente suonato e prodotto: impreziosito dal solito Tony Levin – il suo basso eleva qualsiasi cosa – e con la comparsata di lusso di Brian Eno che si occupa delle “bells and haunting synths” (d’altra parte è Brian Eno, non è che si può occupare di volgari tastiere). Aspettiamo il disco.

Peter Gabriel Brian Eno Tony Levin Genesis 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 15 persone!