New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Natalia Lafourcade: Muerte
L'Amleto messicano è femmina

Gioia, vita, morte e ritmo: tutto con la medesima intensità.

Ah, l’anglocentrismo! Dannato fenomeno che rischia di farci perdere chicche incredibili, come uno dei pezzi più intensi dell’ultimo album di Natalia Lafourcade, musicista che – anno dopo anno (inizia a comporre sedicenne e ha ormai messo da parte un repertorio di più di dieci album) nell’ultimo ventennio – ha regalato al mondo messicano e ispanico carisma e pathos.

Classe 1984, si muove in un territorio dove basta veramente poco a colorare le proprie canzoni, che sanno ovviamente di “altrove” e di paesi a noi lontani. E allora Muerte sia, perché è la cosa più vicina al tuffo al cuore che ci è arrivato al nostro primo ascolto.

De todas las flores vede in azione bande di archi, fiati, manici scafati della chitarra come il benemerito Marc Ribot e figli d’arte come il produttore Adan Jodorowsky, figlio di Valerie e Alejandro. Sangue di ottima qualità, che come previsto non mente, in un misto di drammatica intensità ed estrema bellezza (il passaggio fra i due mondi è quantomai labile).

Un ringraziamento alla morte dunque, per gli insegnamenti che ci dà: quasi uno spoken word su un ritmo ballerino e dolente, che ci trasporta immediatamente in un mondo di scheletri colorati, brindisi, prove, ripassi e collaborazioni giocose fra generazioni di musicisti. Con una voce, quella di Natalia, che non vorremmo mai lasciare e che aumenta la voglia di tuffarci in toto negli umori messicani, nelle urla, nei balli e nei giochi: nel vivere la musica (e la vita, e la morte, appunto) come fossero tutti componenti della medesima strada da percorrere con gratitudine e intensità.

Natalia Laforucade Marc Ribot 

↦ Leggi anche:
Traccia: Marc Ribot & Tom Waits: Bella Ciao (Goodbye Beautiful)

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!