New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Neil Young & Crazy Horse: Chevrolet
Mi sa che devo oliare la leva del Bigsby

Neil Young & Crazy Horse
Chevrolet

Cavalli pazzi ancora insieme per una corsa nelle praterie del futuro.

È stato Rick Rubin a fare piovere sangue sulla terra mortifera degli Slayer con Reign in Blood, nello stesso anno in cui produceva per la sua Def Jam Licensed to Ill dei Beastie Boys. È stato ancora lui a sequestrare tutti i pedali a Billy Duffy, per le registrazioni di Electric dei Cult, costringendolo a sfruttare la sola saturazione dell’amplificatore e ottenere così un impatto raw power. C’è sempre la sua ombra nella rinascita dell’Americana: era il 1994 quando si mise al banco per Wildflowers di Tom Petty, facendone uscire un suono sfavillante. Ma, soprattutto, è stato ancora Rubin a rilanciare la carriera di Johnny Cash creandogli su misura le American Recordings, sessioni che hanno definito il concetto di potenza nella sottrazione.

Se il futuro non accade mai per caso, l’incontro con Neil Young era già scritto nel naturale corso delle cose. Il nuovo World Record, co-prodotto, contiene undici brani inediti, registrati insieme ai sodali di una vita Crazy Horse. Chevrolet è la traccia che meglio rappresenta il passato inteso come fuga in avanti, ovvero tensione verso quella dimensione di assoluta libertà conquistata in anni di ineccepibile carriera da sbattere in faccia a ogni svalutazione della propria identità.

Gli oltre quindici minuti del brano rimandano a una condizione dell’essere: che sia il palco del Fillmore East o uno scricchiolante fienile in mezzo alla natura, lo zio Neil resterà sempre con i piedi piantati all’interno di un personale perimetro atemporale, pronto a fare fluire la propria coscienza attraverso rivoli di assoli dalle traiettorie oblique con il volume del Fender Deluxe a livelli spropositati. Cos’altro volere di più dal rock’n’roll?

Neil Young & Crazy Horse Neil Young 

↦ Leggi anche:
Storia: Il messaggio nella bottiglia di David Crosby
Traccia: Neil Young & Crazy Horse: Welcome Back
Storia: Neil Young, After the Gold Rush: una personale corsa all'oro

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!