Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Stella Rose: Muddled Man
Bella de papà
↤ Tracce

Daddy’s not gonna pay for your crashed car.

William Shakespeare diceva: «se si trattasse ognuno a seconda del suo merito, chi potrebbe evitare la frusta?». Appunto.

Quindi, dato che stiamo parlando del debutto di Stella Rose – già figlia di un certo Dave Gahan, frontman di certi Depeche Mode –, in quanti sarebbero pronti a lanciare pietre ancor prima di ascoltare? Tanti, tantissimi. Ma farlo sarebbe un errore, perché la ragazza del ‘99 sa quello che fa e sa farlo bene.

Distaccandosi dalle facili radici familiari, la Nostra si fa aiutare dal produttore Yves Rothman per una Muddled Man che suona grezza e sguaiata. Un post-punk elettrico e tossico buttato tra i rifiuti di questi anni ‘20, paccottiglia di cui alla fine si nutre, ma rivomitandola sotto forma di diamante grezzo in una scena musicale sempre più uguale a se stessa.

Uno non se lo aspetta, e invece l’attitudine pregna di irriverenza dissacrante tipo Bone Orchard e Birthday Party continua a fermentare sotto il pattume, seppur con tutte le dovute differenze date da quattro decenni di distanza. Se le basi sono queste, il futuro da stadio di Stella è nero, ma i club sudiciamente glamour di mezzo mondo potrebbero esplodere sotto i suoi tacchi a spillo. Da tenere d’occhio.

Stella Rose Dave Gahan Depeche Mode 

↦ Leggi anche:
Humanist (feat. Dave Gahan): Shock Collar
Martin Gore: Mandrill
Depeche Mode: Where's The Revolution?
Goldfrapp (feat. Dave Gahan): Ocean