New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

I terribili incubi colorati di Amélie.

Una delle sottocorrenti più curiose e divertenti della scena goth è stata quella del cosiddetto dark cabaret. Tenendo a mente le basi di Andi Sex Gang, si prendevano gli insegnamenti di Bertolt Brecht e della scuola di Weimar, modificandoli a seconda delle proprie scelte stilistiche, non dimenticando ovviamente il lato esteriore (parte dello steampunk nasce anche da qui).

Tra le miriadi di band che hanno raggiunto una certa notorietà (dai Dresden Dolls alle Rasputina) ce ne sono state altrettante che sono rimaste nell’underground, come i francesi Katzenjammer Kabarett. Nati all’alba degli anni Zero, dopo dieci anni di storia tra alti e bassi (compresa una indimenticabile apparizione in Italia al primo Moonlight Festival di Fano) sono arrivati a uno split amichevole, dalle quali ceneri sono nati poi i Katzkab.

Questi ultimi tornano oggi con un brano che è il logico proseguimento di un percorso stilistico pluridecennale dove non è (stranamente) andata perduta nemmeno un’oncia della freschezza compositiva ed esecutiva che caratterizza i Nostri da sempre. Turn on è un attacco voodoobilly elettrico con le crestine punk: schietta e sinistra come da tradizione, ottima sia da ballare digrignando i denti sia da ascoltare sfatti su un divanetto zebrato. Ci sono odori kraut sullo sfondo a rendere più “adulto” il tutto, ma non vanno a pesare sulla botta finale del pezzo (anzi, ne accrescono il lato spooky e sinistro).

Nulla di nuovo, ma fatto maledettamente bene. E bravi cugini d’oltralpe!

Katzkab 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 1 persone!