New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Cosey Fanni Tutti: Animals
La bellezza non ha età

Animali elettrici dalle cartilagini palpitanti.

«Questa roba so farla anche io», ovvero una delle frasi più fastidiose e ignoranti di sempre. Eppure è un evergreen, sia che si tratti di un film (chi ricorda The Blair’s Witch Project?), di un quadro (i tagli di Fontana ad esempio), di un libro (tutto il movimento dei Cannibali) o di musica. Il fatto è che il problema non è cosa, ma come lo si fa e partendo da dove.

Cosey Fanni Tutti (pseudonimo di Christine Newby) è un icona della musica industrial del XX secolo, una che nei suoi 71 anni di vita ha letteralmente contribuito a ridisegnare i confini sonori preimpostati spostando l’asticella sempre un po’ più su. Sin dal 1969 con il collettivo artistico/musicale COUM Transmission (con personaggi come Genesis P-Orridge, e Peter Christopherson) passando per Throbbing Gristle e Chris & Cosey (e senza dimenticare il curioso cameo nel video di Sylvester, You Make Me Feel) e tonnellate di altri progetti paralleli, uscite discografiche e performance, la Nostra non si è mai risparmiata regalando ai confini della musica delle gemme di immutata bellezza.

Torna oggi con una colonna sonora per un film di Caroline Catz, Delia Derbyshire: The Myths And The Legendary Tapes, biopic su un’altra icona dimenticata dell’avanguardia elettronica degli anni Sessanta, e lo fa alla sua maniera.

Animals, ad esempio, è uno schiaffo siderale posato su una nuvola riverberata zeppa di echi che esplodono, si allontanano, sembrano svanire nel buio ma poi tornano ancor più violentemente, mutati nello spirito e nelle intenzioni, lasciando l’ascoltatore in uno stato di profonda inquietudine e dissociamento. Due minuti scarsi che racchiudono un mondo a parte.

I più superficiali potrebbero però obiettare e dire «bah, è un drone, che ci vorrà mai?». Niente, effettivamente. Ma per farlo così bello ed efficace servono più di mezzo secolo di esperienza e di attitudine visionaria. Come decidere di tagliare una tela.

Cosey Fanni Tutti Throbbing Gristle 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!