New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Caban: Domino
Saranno mica mongolfiere?

Italian wavers do it better.

Molte volte gli appassionati di musica si lamentano: troppe parole spese quotidianamente sulle vecchie glorie a discapito degli artisti emergenti. La verità, come sempre, sta nel mezzo, e per ogni vagito di Nick Cave vale la pena anche buttare un occhio a quello che succede nelle cantine.

Freschi freschi di nascita, il duo made in Italy dei Caban non si è perso a cianciare del nulla e, mettendosi subito al lavoro, ha buttato fuori un EP di tre pezzi davvero piacevole. Domino, la terza traccia (nonché quella conclusiva), ci presenta un suono legato a doppio filo con i capostipiti di un certo modo di intendere la musica, dove Robert Smith da una parte e Dave Gahan dall’altra fanno girare la corda sopra la quale i nostri saltano a ritmo di una wave romantica e sognante.

Quel senso ultravoxiano di Dancing with Tears in My Eyes per intenderci: non creste, pipistrelli e borchie, ma una malinconia di fondo ben nascosta nei passi di danza istruiti a dovere dopo mille ore di club tendente al nero. La raffinatezza nella scelta dei suoni non fa perdere spessore all’urgenza espressiva, per un risultato che se ancora diamante non è, di certo è tutt’altro che carbone.

Caban 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!