Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
The National (feat. Bon Iver): Weird Goodbyes
Te l'avevo detto che dovevi riavvolgere il rullino, prima!
↤ Tracce

Ritagliare un arrivederci dalla sagoma di un addio.

The National (feat. Bon Iver)
Weird Goodbyes

Ci sono cose che succedono perché devono succedere, congiunzioni astrali che si dichiarano per natura così meant to be che ormai, nella tua testa, è come se si fossero già verificate, anche se, nella realtà – appena fai mente locale – ti rendi conto che no, non era mica vero, ancora. Nel senso, sul serio fino a oggi non era uscito niente a firma The National + Bon Iver? Ha dell’incredibile, una tale nuda e cruda verità, considerando che a questo punto della storia è come se ormai la combo faccia parte quasi di un’unica band allargata. 

Sì, perché le strade dei nostri Cincinnati finest e di quel figlio del Wisconsin barbuto e stempiato si sono incrociate non poche volte: il side-project Big Red Machine, l’Eaux Claires festival, il collettivo artistico (con tanto di etichetta discografica annessa) 37d03d. Gli scambi e i favori in numerosi dischi si contano sulle dita di svariate mani e, in tempi più recenti – a partire dai rispettivi I Am Easy to Find e i,i – la collaborazione si è fatta ancora più stretta, fino a sfociare in quel metaverso indie-pop (chiamiamolo Taylor Swift Extended Universe) che ha portato all’inaspettato rebranding della starlette verso nicchie hypster-folk prima inesplorate.

Le probabilità che Justin Vernon potesse mostrarsi immune al fascino di un nuovo singolo dei National erano quindi le stesse (se non inferiori) di qualunque late-thirties-early / forties indie-rock guy sulla Terra. Ovvero intorno allo zero.

Ecco allora questa Weird Goodbyes, che chiude il cerchio di cui sopra mettendo finalmente nero su bianco un featuring ufficiale firmato con i moniker più noti. Si parte da un pattern di drum machine, un sussulto meccanico che ti risuonerà nella scatola cranica fino alla fine del pezzo: è Aaron Dessner che gioca con i robot, mentre la batteria di Bryan Devendorf ci mette progressivamente quel tocco di umano che non guasta. Il tutto cresce accompagnato da quattro note in croce di pianoforte e dagli archi della London Contemporary Orchestra, diretta per l’occasione dall’altro Dessner, Bryce. Quando il familiare crooning di Matt Berninger si aggiunge alla festa mesta e duetta l’amico è già troppo tardi per abbandonare la tavola, imbandita della classica melanconia sbilenca e assorta che da più di vent’anni ormai limona duro con i fan della band e annoia a morte i suoi detrattori.

Si parla di tagliare i ponti con il passato e andare avanti, solo per finire a guardarsi indietro nemmeno quattro passi oltre la soglia dove ci siamo chiusi la porta alle spalle. Che la casa sia ormai vuota è un particolare insignificante, perché si sa: la carne è debole, ma il cervello è peggio.

The National (feat. Bon Iver) The National Matt Berninger Bon Iver Justin Vernon Big Red Machine 

↦ Leggi anche:
Big Red Machine (feat. Anaïs Mitchell): Latter Days
Big Red Machine: Hymnostic
Matt Berninger: I’m Waiting for the Man
The National: Morning Dew
Jeremy Enigk: Lizard
The National: You Had Your Soul with You
Bon Iver: Hey Ma
The National: Hairpin Turns
The National: Never Tear Us Apart
Matt Berninger: Holes
Michael Stipe & Big Red Machine: No Time for Love Like Now