Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Phil Thornalley: Fast Car
Un sorriso, e che non sia l'ultimo
↤ Tracce

Into the sea, you and me (ma anche da solo).

Dopo una carriera iniziata nel 1978 dietro al mixer (capolavori dei generi più disparati come Seven and the Ragged Tiger dei Duran Duran o Torn di Natalie Imbruglia) è arrivato il momento per Phil Thornalley di tornare a mettere al centro la sua musica.

Oltre a essere stato membro dei Cure per un breve periodo (suo il basso nel singolo The Lovecats e quello che si sente nel live album Concert) e frontman dei Johnny Hates Jazz (la sua voce è su Tall Stories), negli anni ha pubblicato sporadicamente anche lavori solisti (Swamp del 1988) non avari di buona musica. Dopo un paio di valide uscite a nome Astral Drive, ci riprova oggi mettendoci direttamente il nome intero (e la faccia) con il disco Now That I Have Your Attention, di cui Fast Car è un succoso assaggio.

Dato il curriculum di cui sopra non stupisce il fatto che la cura per gli arrangiamenti e i suoni sia maniacale pur risultando spontanea, così come la struttura del pezzo – un piacevole pop che mischia sapientemente le melodie dei Beach Boys alle intuizioni dei Beatles, aggiornando il tutto agli anni Zero – sembri terribilmente familiare, quel tanto che basta per non farci uscire dalla comfort zone (eppure non perde il guizzo che non fa calare l’attenzione). Sono trucchi del mestiere, e qui ce n’è tantissimo, ma, come si sa, spesso è più difficile costruire un brano semplice che funzioni davvero piuttosto che una suite rumoristica/sperimentale.

Un ultimo doveroso accenno di sorriso spensierato per un’estate che si sta chiudendo lasciando spazio all’incertezza dell’inverno che verrà.

Phil Thornalley The Cure Robert Smith 

↦ Leggi anche:
Darc Rama: Out of My Hands
I Cure e quei 17 secondi per diventare grandi
Gorillaz (feat. Robert Smith): Strange Timez (Aurora Remix)
CHVRCHES (feat. Robert Smith): How Not to Drown
Curehead-K: The Clouds Over the Bones