New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Jean-Michel Jarre: Brutalism
Trattenere il respiro fingendo compostezza

Quando l’asfissiofilia si fa musica.

In coppia – o da soli – la mancanza di ossigeno “sotto le coperte” è pericolosa, si sa (lo sapete vero?), ma ad alcuni può dare anche delle soddisfazioni.

Se vogliamo fare un discorso meno erotico invece, si può affermare che la mancanza di Oxigène ha reso il nuovo lavoro di Jean-Michel Jarre inaspettatamente entusiasmante. Gioco di parole banale, certo, ma rende l’idea.

Sia chiaro, il francese nella sua pluridecennale carriera non è mai sceso sotto la soglia del dignitoso, ma il suo approccio con la musica è sempre stato avaro di soluzioni che potessero in qualche modo eccitare davvero l’amante dell’elettronica dura. E invece stavolta lo fa godere. Sì, perché con Brutalism il nostro ci trasporta in un mondo nero, oppressivo, asfissiante (appunto), più vicino a un club buio e nascosto in un sotterraneo di una metropoli piuttosto che a una piazza centrale tra giochi di laser luminescenti. A 74 anni (settantaquattro) il nostro pesta che manco i pischelli, in maniera talmente quadrata e decisa che persino il remix firmato dall’altro genio chiamato Martin Gore, a confronto, sembra una cosa molto più light (sembra, perché di per sé non lo è, anzi).

Non era previsto, ma bisogna essere onesti: Jarre ha servito sul piatto uno dei pezzi elettronici più stupefacenti dell’anno. Quindi, tanto di cappello. E ora, respirate.

Jean-Michel Jarre Martin Gore 

↦ Leggi anche:
Traccia: Martin Gore: Mandrill

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!