Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
White Ward: Leviathan
Ucraina (fu) granaio d'Europa
↤ Tracce

Black(ened) is (not) the end (of metal).

White Ward
Leviathan

Una delle caratteristiche migliori di un certo metal estremo è quella di non essersi mai data dei limiti. Al massimo sono gli ascoltatori che – duri e puri – vorrebbero che le proprie band preferite continuassero per sempre a riproporre le stesse cose, ma è proprio dall’evoluzione libera da pregiudizi e sganciata da qualsivoglia interesse nei confronti del mercato discografico che nascono dei piccoli capolavori.

Basti pensare alle carriere di gruppi come Voivod, Cynic, Death, Emperor, Celtic Frost e decine di altri pionieri per capire quanto il voler alzare l’asticella ogni volta di più aiuta a mantenere fresco e interessante il materiale.

La stessa cosa si può dire ascoltando Leviathan dei blacksters (ma ha ancora senso chiamarli così?) White Ward. La loro commistione tra black metal e post-rock a fortissime venature jazz intriso di nero arriva qui a un nuovo traguardo, raggiungendo forse i suoi migliori apici espressivi.

Meno caotici e crudi dei contemporanei Wiegedood ma altrettanto efficaci nel catturare orecchio e nervi di chi ascolta, gli ucraini di Odessa fanno centro con un brano (e per esteso un album) che rimescola le carte sul tavolo di un genere che dai sordi è sempre stato considerato mero rumore ma che in realtà ha seminato ettari di terreno fertile che continuerà – si spera – a regalare frutti deviati e malsanamente attraenti come questo.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Metal  July 2022  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farlo mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perché non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!

.