New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Ozzy Osbourne (feat. Jeff Beck): Patient Number 9
Quando anche Photoshop fatica

Ozzy Osbourne (feat. Jeff Beck)
Patient Number 9

Memorie di un pazzo?

A sorpresa, Shar… ehm, Ozzy Osbourne annuncia il dodicesimo album in studio, in uscita a settembre, di cui la title track è scelta come antipasto. Ne avevamo bisogno? E come suona? Rispondiamo a questa coppia di quesiti partendo dall’ultimo.

Squadra che vince non si cambia, e dietro al mixer troviamo più o meno quelli che hanno dato vita al precedente Ordinary Men. Anche l’idea di riempire il lavoro con collaborazioni più e più illustri non è nuova, ma riesce a regalare quel giusto senso di freschezza compositiva ai brani. Per esempio il lavoro di Jeff Beck qui è superlativo per efficacia e dosaggio. Gli assoli non sono boombastici ma sottilmente fondamentali nel regalare nuove melodie al pezzo, brano nemmeno troppo velatamente autobiografico: se apparentemente è un rimando all’Ozzy storico (i micro riferimenti a Diary of a Madman, Bark at the Moon e Blizzard of Ozz si sprecano, sia nel testo che nella musica) ha i piedi ben piantati nell’oggi con un sound moderno e accattivante, sopra il quale la sempre magnetica voce di Osbourne (trattata al solito con chili di autotune – chi pensa sia una novità o non conosce lo Zio Principe dell’Oscurità, o dimentica che i suoi 73 anni valgono 150 per un uomo normale) rapisce e incanta.

Ne avevamo bisogno dunque? Assolutamente sì. Perché queste sono le ultime cartucce (inutile sperare nella vita eterna, Lemmy insegna) a disposizione per un artista che ha dato tutto se stesso alla musica. Perché il suo timbro è talmente unico che farebbe innamorare anche della suoneria della sveglia se ci cantasse sopra. Perché Ozzy è come Babbo Natale: sappiamo tutti come andrà a finire ma la magia nel fingere di credere che non sarà così dà la forza per continuare. Meglio se con una Patient Number 9 nelle orecchie.

Ozzy Osbourne feat. Jeff Beck Ozzy Osbourne Jeff Beck 

↦ Leggi anche:
Traccia: Jeff Beck: Live In The Dark
Traccia: Ozzy Osbourne: Under The Graveyard

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!