Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
PVA: Untethered
Un fascio di luce e mi scateno
↤ Tracce

Tutti pronti per un dancefloor post-punk?

PVA
Untethered

Emersi sulla scena londinese nel 2019 a colpi di serate nei club, i PVA hanno subito attirato l’attenzione per la loro energia e la capacità di catturare la piena attenzione del pubblico, in poco tempo sono riusciti a pubblicare nel 2020 un primo EP e a costruirsi, nonostante la pandemia e le difficoltà conseguenti, una certa reputazione.

Il loro debutto Toner era stato prodotto da Dan Carey, che nella sua carriera ha messo le mani in parecchi lavori interessanti (solo per nominare qualcuno negli ultimi due anni, ha collaborato con Wet Leg, Fontaines D.C., Goat Girl, Squid – insomma è un tipo che non sta sbagliando un colpo) e che possiamo tranquillamente dire abbia un certo gusto musicale.

Sono passati due anni e i PVA tornano, lo fanno autoproducendosi e riuscendo comunque a fare uno scatto in avanti. Il brano con la batteria suonata da Louis Satchell, il sintetizzatore selvaggio di Josh Baxter e lo spoken post-punk di Ella Harris sono un insieme di ritmo ed energia contagiosa, che colpisce al primo ascolto e questo non è sempre un difetto.

Il sound è fondamentalmente un drum’n’synth che dà al brano una dimensione acerba – direi grezza, se non fosse spesso interpretato come termine negativo – lasciandoci addosso un profumo di elettropunk decisamente gradevole.

La band è in giro per un tour europeo, ma per il momento non figurano date italiane, anche se sono sicuro che qualche festival prima o poi li chiamerà perché c’è da scommettere che questi ragazzi, quando usciranno con un album sulla lunga distanza, sapranno sorprenderci davvero.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Electro  June 2022  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!

.