New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Michael Monroe: Everybody's Nobody
Lontani ormai i fasti di "Pippa il Pomodoro"

Michael Monroe
Everybody's Nobody

Il ritorno del re della città misteriosa.

A vent’anni era bellissimo, quel fascino androgino unito alla leggendaria avvenenza dei maschi scandinavi. A sessanta si tiene ancora in forma, anche se comincia a somigliare spaventosamente a Rita Pavone. Ma nessuno è eterno, manco il pubblico.

Di certo, quando nel 1979 fondò gli imprescindibili (IM-PRE-SCIN-DI-BI-LI) Hanoi Rocks con Nasty Suicide aveva le idee ben chiare su ciò che volesse: vivere rock’n’roll come se non ci fosse un domani. Domani che per lui c’è stato (andò peggio nel dicembre 1984 a Razzle), con una carriera solista di relativo successo, che – pur non regalandogli vagonate di soldoni – di certo ha mantenuto alto il suo status di rockstar. Cioè, basta dire Michael Monroe e per gli appassionati dello sleaze si apre un mondo oggi come ieri.

Torna in queste settimane con un album nuovo, dal titolo autobiografico e irriverente I Live Too Fast to Die Young, dove nulla fa nemmeno lontanamente pensare a una necessità di evoluzione stilistica, anzi. Fedele a sé stesso fino al midollo, il platinatissimo finlandese inanella una serie di pezzi maledettamente sudici e irresistibili, come questa Everybody’s Nobody: una durata che è il numero della bestia diviso due per un inno ai perdenti, quelli considerati dalla massa una gramigna da estirpare ma che – proprio come la simpatica pianta erbacea perenne – stanno sempre lì.

Dondolante e semplice, nel suo essere sporca gronda carisma e attitudine da ogni nota, facendo impallidire band moderne come i pur volenterosi Greta Van Fleet, tanto più professionali e “bravi” quanto completamente privi di quelle cicatrici nell’anima che rendono leggendari personaggi come Monroe. Da ascoltare sogghignando mentre mostriamo un bel dito medio al mondo: è quello che in fondo vorremmo fare tutti, no?

Michael Monroe Hanoi Rocks Motley Crue 

↦ Leggi anche:
Storia: 1994: Mötley Crüe punto e a capo
Traccia: Sixx:A.M.: Rise Of The Melancholy Empire

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!