Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
M.I.A.: The One
Come fermare il tempo con uno sguardo
↤ Tracce

Graditi ritorni, non per modo di dire.

M.I.A.
The One

Mathangi “Maya” Arulpragasam è il genere di artista che ti fa riflettere anche sulla percezione del tempo all’epoca di Internet 2.0. Nella piena e conclamata maturità, infatti, la ragazza che sfornava il capolavoro al secondo tentativo con il magnifico Kala taceva discograficamente da un po’ e non sapremmo dire quanti ne abbiano davvero notato l’assenza. Eppure, se parliamo di album, trattasi pur sempre di sei anni. Un periodo lungo il quale M.I.A. non è comunque rimasta con le mani in mano – tra concerti, brani sparsi e un documentario – e forse è anche per questo che al ritorno in grande stile fioccano le novità.

Tanto per cominciare: un contratto con la Island e un LP, MATA, annunciato lo scorso novembre e dalla data di pubblicazione ancora ignota. Ma c’è dell’altro, ed è un aspetto non di poco conto per chi – nella sua contaminazione tra hip hop, reggae, elettronica e ricerca etnica – fonde autobiografia e coscienza sociale, pop e prese di posizione scomode. Questo altro è la conversione al cristianesimo dichiarata in un’intervista da parte di una hindu figlia di attivisti tamil. Passo che la diretta interessata difende a spada tratta perché le ha ovviamente cambiato la vita e certo non facciamo fatica a crederlo.

↦ Leggi anche:
Travis Scott (feat. Young Thug & M.I.A.): Franchise

Affari suoi, in ogni caso. A noi interessano eventuali ricadute sul piano creativo (ricordatevi cosa combinò il “rinato” Bob Dylan) ed ecco un assaggio del nuovo corso. Classicità d’autrice che, con la produzione di Rex Kudo e T-Minus, srotola un’autostrada da Londra sul golfo del Bengala passando da Kingston e avvolge la – chissà quanto ex – bad girl in appiccicose tinte pastello. Al di là delle questioni di fede, un bel sentire.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Electro  R&B  June 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.