Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Black Angels: El Jardín
Giochi di specchi e di citazioni
↤ Tracce

Neopsichedelia di ieri, di oggi, di domani.

Black Angels
El Jardín

Per rendere grande una band non bastano la ragione sociale ammiccante e un aspetto dimesso ma cool. Servono suono e canzoni, perché come direbbe il Maestro Yoda la questione sta nel fare o non fare. Tutto il resto, aggiungiamo noi, conta zero. Ed è stato proprio focalizzandosi sull’unione tra sonorità e scrittura che i Black Angels hanno costruito una carriera luminosa: da mezzo secolo di espansioni della mente hanno prelevato i materiali che servivano per ricombinarli in forme inedite e innestarle su una penna di rara solidità.

Parlano solo se ritengono di avere qualcosa di significativo da dire, i texani, e se questo comporta mettere cinque anni tra un LP e l’altro, benissimo così. Sintesi e misura sono ciò che mantiene coeso il loro stile policromo, al cui centro pulsa una musica tanto più pura quanto più mescola spunti codificati in un’originalità dall’aria familiare. Non senza sarcasmo, i diretti interessati parlano di modern vintage sound: definizione acuta, se pensi a un’evoluzione dove i modelli sono considerati un punto di partenza e lo sviluppo è, oltre che efficace, coerente.

In un articolato gioco di specchi, El Jardín srotola un vigoroso, inquieto e moderno acid-pop dove Roky Erickson e Roger McGuinn sono sedotti dal minimalismo di Joy Division, Echo & the Bunnymen e Sound. Dove la malinconia è un non detto che sgomita per venire a galla e ci riesce. Dove il tempo è relativo e distorto. Dove un universo parallelo ti imprigiona a sé e di liberarti non vuoi saperne.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Editor's pick  Rock  June 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.