Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Project Gemini: The Children of Scorpio
Quella casa nella brughiera
↤ Tracce

Vi va un po’ di cinedelia?

Project Gemini
The Children of Scorpio

Dietro la sigla Project Gemini si nasconde Paul Osborne, redattore della rivista inglese Shindig! – si sente eccome – che, da tre anni, ha trovato una bella maniera per incanalare la sua profonda passione per colonne sonore, library music, rock acido e funk psichedelico. Tutta roba buonissima e amalgamata concettualmente dall’idea di “visivo” e da una visione espansa della materia sonora, vista come una musica da seguire con gli occhi della mente, come espone in modo assai eloquente la traccia omonima che ha anticipato un album per Mr. Bongo.

Stenti a credere che The Children of Scorpio sia rimasta nel cassetto sotto forma di demo per una dozzina di anni, in probabile attesa del momento giusto. Alla fine il momento è arrivato ed ecco un babà farcito con creme di compositori italiani che guarda agli insegnamenti di David Axelrod. Saldando eclettismo, preparazione e la capacità di farsi ricordare con appropriati ganci melodici, Paul è assistito da un quintetto in cui spiccano il chitarrista Barry Cadogan (Little Barrie) e Paul Isherwood dei Soundcarriers.

↦ Leggi anche:
Vanishing Twin : Big Moonlight (Ookii Gekkou)
L'ars longa dei NEU!
I suoni attualissimi della centrale elettrica dei Kraftwerk
Can: uomini del ventunesimo secolo
Il neon dorato dei Notwist brilla oggi come allora

Non manca nulla, qui, dalle atmosfere immerse in un sintomatico mistero al groove solido, ipnotico e flessuoso che si dichiara palesemente devoto ai Can mentre cita gli Stereolab, dai tocchi di psichedelia agli esotismi assortiti tipici di Heliocentrics e Vanishing Twin, dagli sprazzi onirici al gusto retrofuturista e all’approccio hauntologico che fungono da puntuale armatura estetica. Artigianato di classe e sapienza come ai Kula Shaker non è mai riuscito per manifesta inferiorità, The Children of Scorpio è gradevolissima cinedelia per tutte le stagioni, pronta per essere campionata da qualche produttore post-hip hop nel 2040. Scommettiamo?

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Altra musica  May 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.