New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

I Ragazzi del Massacro: She Doesn't Wanna Come Back
Milano trema: la polizia vuole giustizia

I Ragazzi del Massacro
She Doesn't Wanna Come Back

Suggestioni cinematografiche anni ‘70 che non ricordavamo nemmeno più, e tanto, tanto post-punk.

Nei Settanta andavano forte i poliziotteschi, bastonati dalla critica di sinistra di quegli anni, salvo poi essere riscoperti un po’ da tutti grazie a Quentin Tarantino e al suo immenso amore per il cinema tutto. Roba tosta, da quel capolavoro di Milano odia: la polizia non può sparare – il Led Zeppelin IV del genere – fino ad arrivare a super cult che sono sbarcati sui servizi streaming negli ultimi tempi, riuscendo a essere apprezzati anche dai super-giovani.

Tra queste pellicole, una delle più interessanti è senza dubbio I ragazzi del massacro, tratto dall’omonimo romanzo di Giorgio Scerbanenco, portato sullo schermo dal maestro Fernando Di Leo nel 1969. Proprio a quel piccolo gioiellino, questa nuova band milanese si è ispirata non solo per il nome, ma anche per la propria proposta musicale che – colpo di genio – si va pure a legare a certe sonorità che a fine Seventies si sentivano più in altre parti del mondo che non qui da noi (vi dicono niente i grandiosi Birthday Party di Nick Cave?).

She Doesn’t Wanna Come Back è invece un pezzo piuttosto diretto, ideale biglietto da visita per iniziare a conoscere questo gruppo. Ma non pensiate che i ragazzi si fermino qui perché tale è la ricercatezza di diverse soluzioni musicali presenti nel loro secondo disco, Juvenile Street, da far rimanere letteralmente a bocca aperta (provate New York Blues, per esempio).

Il post-punk (e tutta la libertà che questo genere porta con sé) non è più solo prerogativa dell’Inghilterra o dell’Irlanda. I Ragazzi del Massacro sono qui a dimostrarlo.

I Ragazzi del Massacro 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!