Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Goodbye, Kings: The Cliché of Falling Leaves (Part III - Spring)
Altri due e sfidiamo la nazionale
↤ Tracce

Disegnare il cerchio della vita danzando su foglie secche.

Goodbye, Kings
The Cliché of Falling Leaves (Part III - Spring)

Le foglie cadono in autunno. Nella lingua inglese esistono due modi per chiamare la terza stagione: autumn (utilizzato perlopiù dagli anglosassoni, derivante dal francese “automne”, che richiamava il periodo del raccolto) e fall (utilizzato in America, più esplicativo: cadono le foglie e insieme a esse la notte invernale incombente), che per un certo periodo ha dovuto vedersela con harvest (“raccolto”).

Nella poetica dell’ultimo album dei Goodbye Kings invece è la parola francese cliché a riecheggiare austera, che nel contesto assume un significato beffardamente cinico, ma allo stesso tempo malinconico.

L’ensemble nato all’ombra della Madonnina arriva dopo dieci anni al quarto lavoro in studio con un’opera ambiziosa e a modo sua visionaria: rappresentare il ciclo della vita utilizzando come medium quello della natura. Una specie di concept album di cui Spring è il tassello che i Nostri hanno deciso di usare come biglietto da visita.

Accompagnata da uno splendido video che è a sua volta parte di un progetto più ampio volto a regalare immagini al lavoro nella sua completezza, la terza parte di The Cliché of Falling Leaves si muove in territori post-rock che farebbero venire la pelle d’oca ai Sigur Rós, senza tralasciare alcune spolverate jazz che si mischiano alla perfezione con le atmosfere shoegaze sullo sfondo, lasciando in bocca un gusto squisitamente Seventies teletrasportato ai giorni nostri.

Tornando alla clip, avete presente il balletto di Roland Petit sulle musiche dei Pink Floyd o Siamese Twins dei Cure al Riverside? Ecco, ma fatto molto meglio. Un’esperienza multimediale che spero prima o poi riesca a trovare il giusto compimento in una performance live sul palco di un teatro. Qualcosa tipo l’Eneide di Krypton, per intenderci. Davvero uno splendido lavoro.

Disclaimer: Davide Romagnoli, membro dei Goodbye Kings, è da tempo anche collaboratore di Humans vs Robots.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Made in Italy  Editor's pick  Rock  Altra musica  May 2022  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.