Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
3rd Secret: I Choose Me
Angels and demons at play
↤ Tracce

Ben oltre le classiche operazioni nostalgia.

3rd Secret
I Choose Me

I supergruppi possono essere fichissimi, ma più spesso sono una palla tremenda, soprattutto se i membri hanno varcato da diverso tempo la porta degli “anta” e non intendono in alcun modo sperimentare nuove soluzioni sonore. Eppure ci sono le eccezioni che confermano la regola.

I 3rd Secret ad esempio, sono un coacervo di residuati grunge con un pizzico di hardcore americano anni ‘80, eppure funzionano maledettamente bene. Krist Novoselic (Nirvana ovviamente, ma anche quelle cose poco riuscite tipo Sweet 75), Matt Cameron (Pearl Jam e Soundgarden), Kim Thayl (sempre Soundgarden) e Bubba Dupree (della HC band di culto Void) sono qui riuniti assieme a Jillian Raye e Jennifer Johnson, due voci femminili che si fondono alla perfezione come il rum con la pera. Il frutto, non il vizietto più assassino della fu scena di Seattle.

E se il lascito del suono anni ‘90 di quella città nello Stato di Washington scorre copioso nelle note di I Choose Me, sono proprio le linee vocali a fare la differenza e a rendere il pezzo qualcosa di veramente convincente che va ben oltre la rimpatriata tra vecchie glorie.

Ma è proprio tutto il disco a essere valido: pur non suonando assolutamente “moderno” (e per fortuna, in un certo senso) riesce a mantenere il sound a un livello di freschezza tale dove – per chi quegli anni li ha vissuti – sembra davvero di avere tra le mani un piccolo capolavoro rimasto nascosto per tre decenni.

Di gran lunga migliore di svariate uscite post-‘94 che di grunge avevano solo le foto in camicia di flanella nel retrocopertina del CD.

↦ Leggi anche:
Pearl Jam: Can't Deny Me
Jeff Ament: Safe In The Car
Pearl Jam: Dance of the Clairvoyants
Jeff Ament & John Wicks: Sitting 'round at Home
Brandi Carlile: Searching With My Good Eye Closed
Painted Shield: Dead Man’s Dream
Quella maledetta euforia di Chris Cornell
Eddie Vedder for President

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Editor's pick  Rock  May 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.