New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Steven Brown: Resist
Le mani di Dio

Polvere scintillante di una luna vestita con lo smoking.

È musica senza tempo, quella dei Tuxedomoon, e per una volta non è un semplice modo di dire. Il loro approccio alla composizione, alla sperimentazione, e quel continuo inglobare influenze antiche per trasformarle in moderne hanno reso realmente la loro musica immortale. L’assenza di un’immagine definita, quell’essere rapiti da fascinazioni mediorientali e mediterranee pur mantenendo sempre e comunque un approccio british li ha costantemente collocati non sopra o sotto i trend, ma paralleli: nel loro mondo le mode avevano poca importanza, la ricerca del successo ancora meno (l’unica hit, No Tears, era una presa in giro verso un certo tipo di musica ed è stata più volte criticata dalla stessa band sino a lasciarla nel dimenticatoio, ripescata giusto per divertissement).

Una fila di album ineccepibili, una carriera impeccabile a cui solo la morte di Peter Principle sembra aver messo un punto.
Restano comunque i dischi e restano i lavori solisti dei superstiti. I quali – seppur privi di qualche ovvio pezzo del puzzle – non possono non riportare subito alla mente i fasti della band madre.

Resist di Steven Brown fa parte di questa categoria: una voce e un pianoforte lievemente sporchi ma terribilmente pregni di pathos e classe riportano per un attimo a capolavori come The Cage, di cui, però, Resist non risulta una gemella, quanto una sorella di cui la madre è evidentemente riconoscibile. È musica alta, raffinata, ma assolutamente non snob o distaccata. Non ci sono momenti algidi nelle partiture di Brown, né tantomeno artifizi che puntano all’effetto “facile”. Semplicemente, canzoni – vale la pena ripeterlo – che dal primo ascolto diventano senza sforzo timeless.

Se i Tuxedomoon non ci sono più, il loro spirito e la loro magnificenza continuano a vivere attraverso brani come questo, vera cura per cuore e mente.

Steven Brown Tuxedomoon 

Vuoi continuare a leggere? È gratis ed è semplicissimo: iscriviti alle newsletter di Humans vs Robots!

Tutti i contenuti del sito sono disponibili gratuitamente, basta un indirizzo email. Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’e-mail è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 15 persone!