Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Elf Power: Undigested Parts
Middle age freaks, daddy
↤ Tracce

L’elefante nel garage.

Che meraviglia, la cricca di adorabili pazzoidi nata ad Athens, Georgia, e battezzatasi Elephant 6. Mediando il senso per la svagatezza pop e un respiro sperimentale, negli anni Novanta questo ampio collettivo artistico ha forgiato l’anello di congiunzione tra psichedelia nuova non per modo di dire e certo rock di estrazione alternative dalla fedeltà variabile. Nel suo policromo sottobosco, gli Elf Power appartengono alla seconda ondata: dal 1994 ruotano attorno al talento di Andrew Rieger e in estate si ripresenteranno con un album nuovo di zecca. Il primo da un lustro, li vede approdare alla Yep Roc e annunciarsi con un brano che parla dell’imprevedibilità con la quale eventi ed emozioni possono sbocciare senza preavviso.

Per la cronaca, il video è stato girato nell’Orange Twin Conservation Community, un parco di centocinquanta acri con ecovillaggio autosufficiente a bassissimo impatto ambientale che i ragazzi gestiscono organizzando concerti ed eventi culturali tra il pollame e gli alveari. Metafore belle e significative per una carriera e un linguaggio riassunti centrifugando una melodia che non fa prigionieri, chitarre iniettate di fuzz, tappeti di tastiere, ritmica secca e puntuale.

↦ Leggi anche:
Grandaddy: The Crystal Lake (Piano Version)

Se state pensando alla versione “ruspante” dei Grandaddy, avete visto giusto: la carta d’identità non mente e lo stesso punti di riferimento fantasiosi, però centrati come un’ipotesi garagista della E.L.O. oppure gli Eels che calano acidi buonissimi e si convincono di essere i Pavement. Alla fine, nonostante il gioco un po’ nerd delle citazioni incrociate, a imporsi è uno stile a sé. Qualcosa che, nel suo piccolo, prova a schiarire tempi sempre più bui. Che gli dei benedicano gli indie-freak georgiani.

//