Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Chelsea Wolfe (feat. Tyler Bates): Oui Oui Marie
Capelli bagnati = cervicale assicurata
↤ Tracce

104 anni per scendere negli abissi.

Chelsea Wolfe (feat. Tyler Bates)
Oui Oui Marie

Tyler Bates è arcinoto per le sue colonne sonore, da 300 a L’alba dei morti viventi, oltre che per essere stato la penna dietro a due dei lavori più convincenti della carriera solista di Marilyn Manson (The Pale Emperor e Heaven Upside Down).
Chelsea Wolfe è una delle musiciste alternative migliori sulla piazza, di quelle da tenere d’occhio ogni volta che pubblicano qualcosa perché la probabilità che sia fuffa rasenta lo zero.

Metterli insieme cosa significa? Due cose: 1) c’è di mezzo una colonna sonora (per X di Ti West); 2) il risultato non delude. Ascoltare per credere questa cover di Oui Oui Marie, originariamente scritta da Fred Fisher, Alfred Bryan e Joe McCarthy e interpretata da Arthur Fields nel 1918.

I due prendono la frizzante versione originale e la affogano nella pece più nera: se il testo rimane inalterato, è l’interpretazione che segna il passo, e al posto di un’orchestrina con canto in vibrato si materializza un duetto voce (ipereffettata) e chitarra acustica (volutamente monocorde): qualcosa che all’apparenza sembra semplice, ma che trae forza proprio dallo spazio lasciato nel suo essere minimale, un vuoto che si colma parzialmente con i delay e riverberi, ma che per il resto risucchia l’ascoltatore in un mantra che va a creare un mood tutt’altro che solare.

E nonostante ciò, crea dipendenza spingendo a schiacciare continuamente il tasto repeat. Non se ne esce.

↦ Leggi anche:
Chelsea Wolfe: American Darkness
Chelsea Wolfe & Emma Ruth Rundle: Anhedonia
Converge (feat. Chelsea Wolfe): Blood Moon

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Cover  Feat!  Editor's pick  Rock  Altra musica  April 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.