Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Wolf: Shadowland
Passeggiamo nel regno delle ombre?
↤ Tracce

Lupetti scafati che sanno suonare tradizionalmente nuovi.

Gli svedesotti Wolf vanno dritto al sodo come pornostar ragionate e ci propongono un metal semplice, cupo, di taglia melodica e con un bel riff terzinato. Shadowland non è nulla di nuovo, ma da molti anni l’intero genere pratica il conservatorismo e ne fa una questione d’orgoglio, quindi spiace quasi vedere tutto questo esubero di energie e di tecnicismi, votato alla totale rivisitazione di vecchie idee già ben espresse dai logori padri degli anni ‘80/’90.

Ma gli Wolf non sono semplicemente delle giovani cariatidi devote al passato e completamente incapaci di aggiungere una nota a margine delle seven deadly notes. Loro hanno il power puro in dotazione e spingono bene di canna e di corda, realizzando un pregevole manufatto che vent’anni fa gli Heaven’s Gate registravano ogni cinque giorni e poi infilavano in dischi completamente ignorati dalle masse. Ma sapete come vanno le cose. Bisogna essere nel posto giusto al momento giusto.

Che gli Wolf siano sincronizzati con la propria epoca? Sembra di sì perché, nonostante la carenza assoluta di originalità, trovano il plauso del nerdy metal set e riescono a esprimere vecchie cavalleresche metallurgie con un tono coinvolgente e animalesco al punto giusto – vale a dire un pelo prima dell’arrapamento ingiustificato. Questo è il metallo tradizionalista nella sua più viva espressività modernariale. Suono fresco e attuale a far da pane per idee antiche. Shadowland è baldanzoso fancazzismo creativo, ma – come si dice sul social Web – in alto le corna e non rompete l’incantesimo.

Wolf