Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Sam Jr. (feat. Tess Parks): Sweet Face
Buffalo '22: il remake
↤ Tracce

Caramelle psicopop, da consumare in due, senza paura della carie.

Sam Jr. (feat. Tess Parks)
Sweet Face

Non è da tutti, l’arte del duetto. Trattandosi di un’arte, ha delle regole, benché piuttosto fluide e modellabili a seconda del momento e dei contesti. Ed è qualcosa che rischia di andare perduto nel mare magnum dei “Tizio (feat. Caio)” che, in fin dei conti, sono spesso manovre opportunistiche e specchietti per le allodole. Come ci hanno ricordato anni fa i Primal Scream, almeno attitudinalmente Lee Hazlewood e Nancy Sinatra rimangono un fulgido esempio cui guardare. Qualcuno, nel frattempo, ha preso nota.

Già nei canadesi Broken Social Scene, smarritisi per strada dopo una favolosa prima metà di carriera, Sam Jr. ci fa accomodare nel suo omonimo album solista come meglio non potrebbe: avvalendosi della preziosa collaborazione di Dave Fridmann, recapita una caramella psych pop speziata di shoegaze, confezionata con ingredienti genuini e nessun colorante fuorilegge. Sweet Face è il genere di canzone che vorresti sentire su tutte le radio a ogni ora, quella che coinvolge subito e invece di stancare cresce con gli ascolti.

↦ Leggi anche:
Broken Social Scene: Skyline
Tess Parks & Anton Newcombe: Please Never Die

Lo senti forte e chiaro che dietro c’è dell’abile artigianato, ma soprattutto idee e passione. Sul solido telaio fornito da scrittura e arrangiamento, Tess Parks ci mette l’ombrosa, rauca sensualità da chanteuse moderna che annovera tra gli amici Anton Newcombe, poi nasconde la dolcezza dentro una scorza ruvida e ti manda bacini mentre monta in sella a una Harley-Davidson. Un colpo di tacco e si parte: chitarre iridescenti, agili ma allo stesso tempo robuste, torpido passo medio e un’ebrezza stralunata avvolgono la melodia. Sinuosa e scintillante, Sweet Face ti scivola nella testa passando attraverso traiettorie gassose e tangenti distorte. Non è da tutti, appunto.

//