Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Rammstein: Zeit
Foto di famiglia
↤ Tracce

Lo spirito del tempo nella visione dei mangiafuoco teutonici.

Rammstein
Zeit

Qualunque sia la considerazione a proposito dell’ultimo materiale discografico prodotto dalla compagnia di Lindemann e soci, innegabile è che la trepidazione per un loro nuovo singolo è sempre altissima.

Ed ecco infatti che – nell’attesa di quello che sarà il nuovo Zeit – ci si trova di nuovo sia perplessi che compiaciuti (si deve dare merito alla band tedesca, capace di creare sempre un fitto tripudio di rumors e aspettative). Forse non rispecchia più la grandezza industriale e pionieristica – in un certo senso di entertainment– dei primi lavori, e nemmeno la profonda funzionalità radiofonica e artistica di un Mutter, ma la band tedesca è ormai assurta a uno status che non si fa mancare nulla in termini di portata commerciale e d’effetto.

Come al solito la produzione del video del singolo omonimo (a cura di Robert Gwisdek) segue le aspettative e ci riporta ancora davanti (un po’ come in Deutschland) a un epos teutonico che attraversa più epoche e situazioni. Lo spirito del tempo, dunque, ancora una volta, diviene il capostipite della Germania letteraria il cui retaggio romantico, tra una Pussy e una Du Hast, resta sempre nelle corde della band. «Sto sdraiato qui tra le tue braccia / Oh, potrebbe essere per sempre / Ma il tempo non conosce pietà / Il momento è già finito».

Si tratta, dal punto di vista musicale, di una semi-ballad tipicamente rammsteiniana, dal sapore un po’ goethiano di cui era colma Rosenrot, e che in effetti – presupponendo sempre più fuoco e più fiamme – lascia inizialmente un po’ interdetti e spaesati. L’apparato pianistico, però, negli ultimi anni è sempre stato tenuto in ampia considerazione (non solo come opening act degli ultimi tour) e quel tocco neoclassico potrebbe ancora giocare le sue carte migliori in termini di magniloquenza (già ci si immagina qualche trovata Till escogiterà per la performance di questo nuovo pezzo dal vivo).

Starà al tempo stesso mostrare se la sua fiamma è più fioca o più ardente.

↦ Leggi anche:
Till Lindemann & David Garrett: Alle Tage ist kein Sonntag
Lindemann: Steh auf
Till Lindemann: Ich Hasse Kinder
2001, Mutter: il capolavoro dei Rammstein è maggiorenne
Rammstein: Deutschland

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  Metal  March 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.