Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Orville Peck: C'mon Baby, Cry
Al cuore Ramon, se vuoi uccidere un uomo devi colpirlo al cuore
↤ Tracce

Torna una delle rockstar più interessanti degli ultimi tempi. Ovviamente, lo fa a cavallo.

Orville Peck
C'mon Baby, Cry

Più passa il tempo – sono ormai tre anni dal suo debutto – più aumenta il mistero che circonda Orville Peck.

Sebbene ultimamente le ipotesi su chi sia il ragazzo dietro la maschera si siano moltiplicate (la voce più accreditata riporta che nella realtà si tratti di Daniel Pitout, ex batterista della post-punk canadese Nü Sensae), a lasciare basiti quanto intrigati è tutto il mondo che questa rockstar (non mi vorrete mica dire che non lo sia, vero?) è riuscita a crearsi intorno in un periodo alla fine relativamente breve. Perché se è vero che in certi ambienti un tale personaggio in bilico tra un cowboy e una drag queen ha finito per travalicare di fatto la sua musica, è proprio nella sua proposta musicale che Peck riesce in realtà a essere davvero tanto vincente quanto convincente.

Il suo nuovo singolo, C’mon Baby, Cry, ne è la più chiara e limpida dimostrazione. Suadente come pochi, sempre a metà strada tra atmosfere lynchiane e rimandi al Nick Cave più corale, riesce a sedurre subito, e quello che è in grado di fare la differenza è la sua voce attraente, mai così da crooner come in questo pezzo. Un timbro riconoscibile tra mille, che è già un marchio di fabbrica. “The Orville Peck machine”, verrebbe da dire.

Chissà quindi cosa riuscirà a fare con il suo Bronco, in uscita l’8 aprile per Sony. Noi intanto, per non farci trovare impreparati, abbiamo già lucidato gli stivali e siamo pronti a metterci un po’ di mascara.

↦ Leggi anche:
Orville Peck: Dead of Night

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  March 2022  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.