Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Jonathan Húlten: Dance of the Water Spirits
Male che vada mi riciclo nei Mercyful Fate
↤ Tracce

Entità senza dimensioni compagne di un viaggio in solitaria.

Jonathan Húlten
Dance of the Water Spirits

L’ultima volta che Húlten aveva pubblicato un album, si trattava di un side project che gli faceva respirare aria diversa da quella inalata nei sulfurei Tribulation. Evidentemente la cosa gli era piaciuta molto, al punto tale da rompere – seppur amichevolmente – con gli ex compagni di note alla vigilia dell’uscita di Where the Gloom Becomes Sound, per concentrarsi sulla carriera solista.

Carriera che dopo un avvio (splendido) in chiave folk/acustica, ha spiccato il volo andando ad abbracciare sonorità inedite e inaspettate, a conferma del talento di Jonathan, uno che non teme il giudizio degli affezionati e anzi continua il suo percorso di ricerca a ritroso per andare a scavare nelle influenze che lo hanno forgiato come autore.

Cartolina attuale di questo viaggio è Dance of the Water Spirits, sorta di prog psichedelico oscuro molto in voga nei primi anni ‘70, che non nega strizzate d’occhio al dungeon synth e alla musica tradizionale celtica, per un risultato fiabesco non distante dal Barrett più visionario, un paio di trip prima di quello fatale. È musica “altra”, che affonda le sue radici nel passato, ma che, come solo i grandi artisti riescono a fare (vedi i Dead Can Dance), non puzza mai di vecchio, mantenendo sempre e comunque quella forma di freschezza e urgenza espressiva tipica delle composizioni che, pur suonando familiari, stupiscono a ogni ascolto per arrangiamenti e scelte di intrecci vocali e sonori.

C’è della religiosità evocativa nella musica di Húlten, una purezza che riporta a una concezione di spirito intatto e strettamente legato alla natura, in antitesi a una convivenza moderna che troppo spesso sembra essere forzata, portando tonnellate di caos e disordine nei cuori dei bipedi più famosi della terra.

Lasciarsi ipnotizzare dal suono magico di Jonathan, sforzandosi di coglierne il significato profondo che va oltre la canzone stessa, può essere un primo piccolo passo verso una riconciliazione tra l’uomo e il pianeta che lo ospita. O perlomeno con ciò che siamo dentro. Non è poco.

↦ Leggi anche:
Tribulation: Strange Gateways Beckon
Tribulation: Leviathans

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Folk  Altra musica  March 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.