Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Sea Change: I Put My Hand Into a Fist
Nordicamente vostra
↤ Tracce

Io (non) ballo da sola.

Sea Change
I Put My Hand Into a Fist

Confessiamo di avere un debole per chi si accosta a un canone senza timori reverenziali e se lo cuce addosso comodamente. Non di rado, con destrezza e disinvoltura ancor più pronunciate quando è dell’altra metà del cielo che si tratta, perché se il sesto senso è femminile ci sarà pure un motivo, e dando uno sguardo allo scaffale dei dischi facciamo anche alla svelta a trovarlo. Anima inquieta, la norvegese Ellen Sunde a.k.a. Sea Change è una giramondo che pubblica poco ma bene e ha portato la sua elettronica dai panorami bucolici della madrepatria verso la skyline berlinese, mantenendo il gusto “nordico” in un’emotività tenuta sotto controllo fin quasi a rasentare il subliminale.

Nella metropoli tedesca la ragazza si è sistemata nell’angolo del club dove le luci sono bassissime e la malinconia si fa largo con il passare delle ore e dei drink. È il rifugio nel quale osservi la gente e ascolti la musica alla giusta distanza. Anche se nel frattempo è tornata a casa, continua a trafficare con un “pop” che esige le virgolette tanto è trasversale, scuro e introverso, non solo perché stavolta è stato concepito durante il lockdown.

La spettrale tessitura di I Put My Hand Into a Fist si muove sinuosa, aprendo un cuore di panna attorno a morbidi beat e volute di tastiere sulle quali sussurra schegge di ansia. Tra pieni e vuoti minimali che si fermano un attimo prima del decollo, il gioco con le attese dell’ascoltatore è architettato con arguzia: la tensione dolceamara ti fluttua attorno, avvolgendoti in un ritmo lineare e in BPM moderati che alla fine ti abbandonano a mezz’aria. Non sai più se ballare o guardarti attorno, forse faresti meglio ad andare a sederti. Indovina un po’ dove?

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Electro  February 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.