New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Once Human: Erasure
Female metal da notare

Metallo così piccante da farvi sudare.

Notevoli gli Once Human con questo Erasure, brano squadrato, massiccio ma allo stesso tempo trasudante blues e malessere grunge. La botta è degna dei Lamb of God e del metallone americano odierno, con le chitarre ribassate, gli accordoni di settima e nona, il Mesa Boogie a far da altare per la liturgia decadentista. Ma non è tutto qui. Tra un breakdown d’ordinanza e un salta-salta sul MI basso, c’è un’atmosfera oscura e quasi romantica.

La pettoresca Lauren Hart con la mise da ora di zumba sa di ascelle sudate e preciclo, ma quando si ficca in bocca l’obiettivo e sgrunta il ritornello, si apre nel petto del vecchio metallaro annichilito dall’onda lunga digitale, un barlume di speranza. C’è emozione dietro i ritmi calibratissimi, nella cristalleria dei suoni grandi e inoffensivi del moderno diverbio sonoro. E tanto basta.

Erasure è un gran bel modo di ricominciare dalle macerie depressive degli Alice in Chains senza rinnegare le lunghe ore di piegamenti dello zio Anselmo. E per una volta la female singer non ci fa pesare le sue micragne ormonali e non fa a gara di gozzi con la plebaglia testosteronica senza capelli e senza idee che c’è in giro. Insomma, ad averne!

Once Human Lauren Hart 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!