Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Jethro Tull: The Zealot Gene
Vi conviene stare zitti e buoni
↤ Tracce

Un inno alla moderazione in un periodo di isteria di massa.

Jethro Tull
The Zealot Gene

The Zealot Gene non potrebbe essere più adatto ai mala tempora di così e non solo per il sound. Il flauto traverso è sempre lì, ma la produzione si è fatta più “moderna” e aggressiva: riff di chitarra elettrica, synth, e un ruolo maggiormente incisivo della sezione ritmica, soprattutto nel bridge. 

La parte più interessante, tuttavia, non riguarda tanto la musica, pure superlativa, quanto il testo. The Zealot Gene è un richiamo disperato alla moderazione, uno schiaffo in faccia al populismo (bipartisan) e un invito a riavvicinarsi a quell’organo che pare non serva solo a spartire le orecchie: il cervello. 

Ian Anderson si scaglia contro l’oscuro appello del populismo, l’odio, la xenofobia, gli schiavi dell’ideologia, la moderazione assente, l’avere troppe opinioni. Il frontman dei Jethro Tull ha già dichiarato di non aver in mente un solo personaggio o pochi individui, ma tanti politici, tante figure pubbliche e tanti conoscenti.

Un pezzo che è al tempo stesso il commento in disparte di un saggio esausto di ripetersi e un accorato grido di dolore contro la stupidità di massa nel periodo dei social. Più semplicemente, una lezione di stile più arrabbiata del solito, che tuttavia ci ricorda quel meraviglioso periodo in cui il rock – citando l’autore Cesare Rizzi – «provò ad essere anche musica per la mente e non solo per il fisico».

↦ Leggi anche:
Marc Almond (feat. Ian Anderson): Lord of Misrule
Jethro Tull: Shoshana Sleeping
Ti amiamo forte e duro, Ian Anderson

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  February 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.