Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Curehead-K: The Clouds Over the Bones
Smanettare livello pro
↤ Tracce

Lost in a forest, ma con un synth.

Curehead-K
The Clouds Over the Bones

Per i meno informati, un po’ di storia urbana: Cureheads era il nomignolo che si erano dati i fan dei Cure a cavallo tra gli ‘80 e i ‘90 per distinguersi dal movimento goth in senso stretto. Un po’ come se in Italia uno vestito di nero alla domanda “sei un dark?” rispondesse “no, sono in fissa con i Cure”.

A grandi linee il concetto è questo.

Sarebbe facile dunque aspettarsi da Giorgio Falcone, alias Curehead-K, qualcosa che riporti alle sonorità di Smith e compagnia. Niente di più sbagliato. The Cloud Over the Bones, tratto dal suo disco d’esordio Into the Labyrinth, è uno strumentale che diventa un piccolo viaggio elettronico, tra atmosfere rarefatte e giochi ritmici liquidi e taglienti per una colonna sonora degna del trip mentale più distorto. Nonostante all’apparenza il tutto sia ridotto all’osso, c’è molta carne al fuoco in questi sei minuti che lentamente ma inesorabilmente entrano nelle orecchie dell’ascoltatore, andando a risvegliare vecchi ricordi in odore di Sheffield, con un pizzico di Bristol, in una commistione lo-fi che ne accentua l’efficacia.

L’approccio arty alla composizione può essere pericoloso e sfociare spesse volte in soluzioni pretenziose e sopra le righe, che dopo poco diventano noiose: in questo, Giorgio dimostra di avere la mano giusta e di saper osare senza mai lasciar cadere l’attenzione.

La colonna sonora perfetta per i giorni uggiosi a venire.

↦ Leggi anche:
Darc Rama: Out of My Hands
I Cure e quei 17 secondi per diventare grandi

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Made in Italy  Electro  March 2022  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.