Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Big Thief: Time Escaping
We are family
↤ Tracce

La perfezione sta nell’essere imperfetti, no?

Big Thief
Time Escaping

In un’epoca che sembra lontanissima, le etichette discografiche (soprattutto quelle indipendenti o presunte tali) avevano un pregio: sapevi a cosa andavi incontro. Nessuno pensava di trovare un menestrello folk se tra le mani aveva un disco della Music for Nations, così come solo un pazzo pensava di imbattersi in una band synth pop nel catalogo SST. Ci si affezionava, ci si fidava, e le label diventavano veri e propri bollini di garanzia.

Il tutto si è un po’ perso con l’arrivo della musica liquida, ma va da sé che i più attenti non si fanno mai scappare i dettagli, poco importa se stampati su carta o semplicemente segnalati sul proprio drive preferito.

Ecco allora che il solo leggere “4AD” di fianco al nome Big Thief dovrebbe far passare il test di qualità, e a ragione. Approdata alla mitica etichetta britannica nel 2019 la band newyorkese è sulla scena da poco più di un lustro e ha già disseminato il mercato con una serie di uscite sempre convincenti ed efficaci. Ne è un fulgido esempio questa Time Escaping, con il suo indie-folk-pop pesantemente deviato, che somiglia terribilmente a una fabbrica abbandonata di giocattoli difettosi – ma proprio per questo affascinanti e unici – dove il classico e l’imprevedibile si fondono dando vita ad acquerelli in tre dimensioni. Sembra quasi come se ritmica da una parte e melodia dall’altra si scambiassero i ruoli, senza però stravolgere la sostanza del pezzo.

Fossimo negli anni ‘90, i Big Thief spopolerebbero su 120 Minutes (do you remember?): una vera boccata d’aria corroborante per combattere questi tempi asfissianti.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Pop  Folk  February 2022  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.