Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Sonic Youth: In & Out
Nella foto, un monumento postmoderno; sullo sfondo, la Battersea
↤ Tracce

Se raschi il fondo del barile trovi roba placcata d’oro.

Tra le altre cose, la dopamina è responsabile del sistema di ricompensa che è la radice dell’adattamento, e viene rilasciata in parti del nostro cervello a mo’ di premio per il sistema nervoso quando scopriamo cose piacevoli, come il mangiare quello che ci piace, parlare con una persona cara o ascoltare della musica che fa per noi. Il suddetto processo, ovviamente, spinge il nostro cervello a voler ripetere le stesse esperienze. Spesso però il meccanismo funziona anche quando certe cose non sono davvero utili (come per esempio abbassare il volume della radio mentre si cerca parcheggio: sappiamo benissimo che dipende dal caso eppure lo si fa perché ci fa sentire sul pezzo) e addirittura dannose (alcool, droghe, abuso di farmaci o relazioni ormai tossiche). Eppure è uno dei fondamenti del nostro essere, con tutti i contro e i pro del caso.

È forse anche per questo che l’idea di un nuovo album dei Sonic Youth accende i neuroni elettrizzandoli, e poco importa se in realtà si tratta di fondi di barile: ne vogliamo ancora.

In & Out è stata registrata nel 2010 a Pomona, in California, al Fox Theatre durante un soundcheck da Steve Shelley e Kim Gordon, base a cui sono state sovraincise altre chitarre in studio da Thurston Moore e Lee Ranaldo ed è a tutti gli effetti un’improvvisazione della gioventù sonica. Pubblicata ufficialmente in un box set limitato a 1000 copie nel 2011 (Not the Space You Know, but Between Them) viene qui ripescata e resa finalmente pubblica in una nuova raccolta in uscita a marzo, per tutti i nostalgici della band. Scarti? Probabilmente sì, ma alla dopamina non importa e, se si è amato visceralmente tutto quel modo di fare musica, non schiacciare continuamente il tasto PLAY diventa praticamente impossibile.

Perché In & Out ha tutte le caratteristiche ipnotiche e sperimentali dei Sonic Youth, perché il mantra che si avvita su un solo accordo circondato da milioni di intarsi sonori è ipnotico e suadente come solo loro sapevano fare, perché cose così mancano. Terribilmente.

Perché se la musica è il nutrimento dell’anima, la dopamina fa il suo sporco lavoro e ci rimanda sempre e comunque dove la soddisfazione è stata sempre assicurata. Quando i tuoi “scarti” valgono più di milioni di uscite nuove, vuol dire che eri davvero su un altro livello: uno dei gruppi più importanti che siano mai apparsi sulla faccia della terra.

//

↦ Leggi anche:
Kim Gordon & J Mascis: Abstract Blues
Thurston Moore: Chelsea’s Kiss
Kim Gordon: Sketch Artist
Thurston Moore: Leave Me Alone